02 Maggio 2018 Commenti

Il volo

Di James Stilton

www.amazonias.net

© 2018





"Signore e signori, ora stiamo iniziando l'imbarco prioritario per i nostri soci Gold e Platinum."


Ho pescato la carta d'imbarco dalla tasca, ho preso il bagaglio a mano e sono andato al checkpoint. 

La mia azienda mi invia in tutto il mondo. Non è né la più grande né la più ricca delle aziende, e non appartengo ai massimi dirigenti, quindi sfortunatamente non volo in business class. Ma almeno mi comprano l'imbarco prioritario. E più spazio per le gambe.


"Buon volo, signor Dukakis"


"Grazie."


Scesi dalla rampa, attraverso il corridoio di collegamento e salii sull'aereo. Non mi piaceva particolarmente volare, ma è venuto con il lavoro. Mi sono preparato mentalmente. Non sono mai molto fortunato sui voli, e se c'è un ragazzo davvero grasso sull'aereo, sono sicuro di sedermi accanto a lui. Le belle donne, d'altra parte, non sono mai le mie vicine.


Questa volta la situazione era diversa.


Mentre scendevo lungo il corridoio, ho visto una faccia incredibilmente bella sporgere molto sopra il sedile di fronte a lei. In quel momento stavo pensando che fosse in qualche modo in piedi, o seduta in ginocchio sul suo sedile, perché le persone, specialmente le donne, non sono così alte. Aveva i capelli castano scuro, legati in una coda. Anche i suoi occhi erano scuri. Aveva labbra carnose e una mascella squadrata che la fanno sembrare forte mentre è ancora femminile. Ho guardato i numeri di fila e con mia massima gioia, ho visto che sarei stato effettivamente seduto accanto a lei! Misi il bagaglio a mano nello scompartimento sopraelevato e le diedi un'occhiata furtiva mentre lo facevo. Fu allora che notai che stava semplicemente seduta normalmente al suo posto, e che era, in effetti ... enorme. Le sue gambe premevano contro il sedile di fronte a lei e le sue ginocchia erano sopra il livello del tavolino. Era stipata come una sardina. Ma non ci ho pensato in quel momento. Potevo vedere solo le sue gambe. Indossava pantaloncini di jeans tagliati che nascondevano solo la parte superiore delle sue cosce. Il mio respiro si fermò per alcuni secondi, e rimasi congelato a terra prima di poter indicare il posto vicino al finestrino, dicendole che ero lì.

Penso che sospirasse - forse aveva sperato in un posto vuoto accanto a lei - per esperienza so che fa la differenza. Si alzò con molta difficoltà, dimenando quelle grosse gambe dal sedile. Non potevo credere ai miei occhi quando si era alzata in piedi, e ho visto molti altri passeggeri guardarsi nella sua direzione, con la bocca spalancata. Doveva effettivamente piegare la testa per non sbatterla contro il soffitto dell'aereo!


Mi sono sistemato nel sedile (18K). In realtà, non avevo bisogno dello spazio extra per le gambe - che chiaramente non era sufficiente per il mio vicino - perché sono un ragazzo basso di appena 1,6 metri. I voli erano una delle occasioni in cui la bassa statura per cui ero stato vittima di bullismo a scuola era in realtà un vantaggio.

Quando la gigantessa accanto a me si sedette di nuovo, il mio sedile tremò come per un'esplosione di turbolenza. 


Durante il discorso di benvenuto del capitano e la proiezione del video sulla sicurezza, ho cercato di avere un'idea più chiara del passeggero 18J. Seduto accanto a lei, non ero nella posizione migliore per guardarla. Ho simulato un interesse per l'altro lato dell'aereo e in quello sguardo l'ho accolta di nuovo. Stava fissando davanti a sé e il suo profilo era bello come la vista frontale. Indossava un maglione azzurro con maniche lunghe e non riuscivo a vedere nulla della sua parte superiore del corpo. Ma poi ho abbassato gli occhi sulle sue cosce, il più discretamente possibile.


Devo dirti a questo punto che ho una strana ... deviazione. Per tutto il tempo che posso ricordare, ho amato le donne alte e forti. Ricordo che avevo forse otto anni e mi misuravo, in termini di lunghezza e taglia e talvolta anche di forza, con le mie compagne di classe, che erano quasi tutte più alte e più grandi di me. Anni dopo, un sabato pomeriggio a casa - lo ricordo come fosse ieri - stavo guardando la TV e per la prima volta vidi una gara di bodybuilding femminile sul canale sportivo. Fino ad allora, avevo pensato che il bodybuilding fosse qualcosa solo per uomini. Le donne che ho visto in TV mi hanno stupito e non riuscivo a smettere di guardarle. Sono rimasto affascinato da loro che flettevano i muscoli e mostravano i loro corpi oliati al pubblico. 


Da allora ho guardato innumerevoli film su YouTube di bodybuilder donne e scaricato un miliardo di immagini di donne muscolose dal web. Di tanto in tanto sono andato in palestra nella speranza di trovarne uno nella vita reale, ma sempre senza successo.


E ora, ero seduto accanto a uno. Perché sì, non era solo una donna enorme: quel primo sguardo alle sue gambe mi aveva reso subito, inequivocabilmente chiaro che era effettivamente, finalmente, misericordiosamente ... una muscolosa!


Dieci minuti dopo eravamo in volo e avevamo iniziato il nostro volo di dieci ore. Non riuscivo ancora a credere alla mia fortuna e temevo che da un momento all'altro avrebbe scelto un altro posto. Mi ero già guardato intorno e avevo notato che per fortuna il volo sembrava più o meno al completo. Inoltre, a parte la business class, che immagino non potesse permettersi più del mio datore di lavoro, i nostri erano alcuni dei posti migliori sull'aereo, per quanto angusta fosse. Sembrava davvero che avrei trascorso l'intero volo accanto a questa dea!


Per poterla guardare in modo meno evidente, ho selezionato un film, ho collegato l'auricolare e ho fatto finta di guardare. Ho girato la testa alla mia sinistra il più possibile senza destare sospetti e l'ho piegata leggermente. Da lì, sforzando un po 'gli occhi, sono stato in grado di vedere più o meno l'intera parte superiore delle sue gambe e il suo polpaccio destro. E ragazzo che spettacolo era.


Sotto i suoi pantaloncini iniziarono cosce che non erano solo enormi in volume ma anche incredibilmente striate. Sembrava che ci fossero almeno quattro o cinque punti in quella gamba dove si poteva facilmente mettere una biglia di vetro senza che cadesse, anche in condizioni turbolente. C'erano muscoli invisibili nelle mie stesse gambe. E c'erano vene bellissime, che scorrevano su tutta la pelle abbronzata. La parte superiore della gamba non era parallela al suolo, ma in realtà era inclinata verso l'alto. Il ginocchio, come avevo osservato prima, premeva contro il sedile davanti a lei. Indossava scarpe da ginnastica bianche con strisce rosa, senza calze. Sopra la sua caviglia spessa eppure ancora elegante, la parte inferiore della gamba si allargò in muscoli del polpaccio incredibilmente ampi che erano ben definiti. Il lato della parte inferiore della gamba mostrava le bellissime striature che lo hanno sempre fatto per me. In effetti, ho notato che ormai avevo un enorme erezione e avevo già inumidito un po 'i miei pantaloni con la precum. Come avrei fatto a sopravvivere a questo volo?


Penso che per il minuto successivo ho continuato a guardare ogni centimetro quadrato di quella gamba incredibilmente muscolosa. Poi, all'improvviso, ha iniziato a fletterlo. Forse era già rigida e aveva bisogno di qualche movimento. Ho visto i muscoli della parte superiore della gamba muoversi per primi. Quindi, senza badare a spingere il sedile di fronte a lei, sollevò le dita dei piedi, flettendo così i polpacci. Mi sono quasi lavato i pantaloni. La sua flessione durò forse due interi minuti, poi rilassò di nuovo tutto. Ho solo continuato il mio sguardo sottile.


Sono passati altri venti minuti che è successo. Con la coda dell'occhio, ho visto il suo braccio muoversi. Non ho pensato a niente, ma poi mi sono sentito picchiettare sulla spalla. Il mio cuore ha saltato qualche battito. Ho girato la testa verso di lei, grato per l'opportunità di guardarla in faccia, quasi un piede sopra il mio. Ho visto le sue labbra muoversi e mi sono tolto velocemente le cuffie.


"Scusa, non ti ho sentito," dissi nervosamente. Era così bella. E giovane! Penso che non avesse più di venticinque anni o giù di lì.


"Ho chiesto se volevi toccare", ha detto. 


"T-touch?" Sono riuscito. Tocca cosa?


Non c'era traccia di imbarazzo in quello che disse dopo. "Hai guardato le mie gambe per tutto il tempo. Mi chiedevo se volevi toccarle."


"Cosa? Io-io non stavo guardando le tue gambe. Stavo guardando il film," ho detto, sentendo quanto suonassi poco convincente.


"Va bene, va bene", ha detto. "Allora goditi il ​​film." 


Era delusa? Armeggiò con un'unghia. Ho capito che la mia bocca era spalancata. Poi mi sono sentito parlare. Ognuno dei miei cervelli deve aver capito che non potevo perdere questa opportunità. "Mi ... mi dispiace, hai ragione. Io ... sono stato ... a lanciarti occhiate alle tue gambe. Stavo solo ... non ho mai visto gambe così grandi su una donna. "


"Su una donna?" Sorrise maliziosamente, mentre si mordeva l'unghia del mignolo in un modo che era appena oltre il sexy. "O su qualcuno?"


"Chiunque," ho aggiunto velocemente.


"E tu cosa ne pensi? Troppo grande?"


"Eh ... non ... davvero. Penso che le tue gambe siano ... ehm ... molto ... belle, in realtà."


"Grazie." Il suo sorriso era ancora più ampio adesso. "Ci lavoro duro."


"Sono sicuro di sì. Sei tipo ... un atleta professionista?"


"Solo un personal trainer, che vuole essere il più grande possibile".


"Ah." Era tutto quello che potevo dire.


"Tu, d'altra parte, non sembri un'atleta", ha poi detto. "Quanto sei alta?"


Mi chiedevo se sapesse quanto pensavo fosse incredibilmente eccitante questa conversazione. "Sono solo un metro e sessanta", ho detto. "Voi?"


"Due metri cinque," sorrise.


"Wow. Immagino che gli aerei non siano costruiti per persone come te eh?"


Lei rise. "Non esattamente. I voli lunghi sono una tortura per me. Da qui la mia domanda. Volevo che il tempo passasse più velocemente."


"La tua domanda?" Ho chiesto. Sapevo esattamente cosa intendeva, ma volevo solo essere sicuro e volevo che lo dicesse di nuovo.


"Se volessi toccarmi le gambe." Non stava sorridendo adesso, ma teneva le labbra aperte in una sorta di broncio incredibilmente sexy, la testa leggermente inclinata.


"Io ... sono molto curioso di come si sentono ..." è stato il modo in cui ho cercato di dare al mio desiderio una parvenza di decenza.


Poi mi ha afferrato la mano e l'ha messa sulla sua coscia. Ancora una volta ho pensato che avrei dovuto crema i pantaloni. Sono sicuro che abbia visto la mia bocca aprirsi ulteriormente.


"Traccia i contorni dei muscoli con il dito indice", ha detto. È stato espresso come un comando. Penso che mi avesse visto in faccia che mi aveva. Che ero un ammiratore. Che avrei fatto qualsiasi cosa per vivere questa esperienza.


Feci come mi aveva chiesto, mettendo il dito sulle colline che erano qui i muscoli e nei crepacci tra di loro. È stata la cosa più incredibile che avessi mai provato. Ero consapevole che il mio respiro era diventato più forte e più veloce.


Una hostess è apparsa nel corridoio e istintivamente ho ritirato la mano, ma la ragazza l'ha afferrata e l'ha rimessa su quel tronco d'albero sulla coscia. L'hostess abbassò lo sguardo e vidi qualcosa sul suo viso che era allo stesso tempo un cipiglio e un sorriso mentre ci passava accanto.


"Non importa le altre persone. Fingi che siamo solo io e te su questo aereo," sussurrò. Ero fin troppo contento di fantasticare su una situazione del genere. "Continua ad accarezzare," disse. "Come ti chiami?"


"Sono Damien," dissi debolmente.


"Sono Ally," disse la gigantessa. "Allora perché vai in Giappone?"


"Lavora," dissi, quasi sbavando mentre accarezzavo la gamba gigantesca. La sua mano era ancora sulla mia. "Roba noiosa. Tu?"


"Sto facendo un corso intensivo di judo di quattro settimane a Tokyo. Vuoi esplorare il vitello?"


"Eh? Oh ... sì, certo ..." Mi chinai in avanti e lasciai che la mia mano scivolasse lungo il suo ginocchio, quindi passai dallo stinco al polpaccio. Ha sollevato di nuovo il dito del piede ed è diventato ancora più grande. 


"Ti piace, eh?"


"Sì ..." la guardai, quasi con le lacrime agli occhi. Ha visto quanto ero eccitato.


"Avere sempre?"


"Ho amato le donne grandi e forti per tutto il tempo che posso ricordare", ho detto.


"Giusto. Incontro spesso la tua specie." Così divertente. Mi piacciono i ragazzi piccoli e deboli. Mi piace dire loro cosa devono fare ".


"Oddio ..." ho detto.


"Sei duro?"


Non ero più imbarazzato. Stavo seguendo il flusso ora. "Duro come il tuo muscolo del polpaccio," dissi.


Gettò indietro la testa, ridendo. "Non è proprio possibile, ma mi è venuta l'idea. Vuoi vedere di più?"


"Voglio vedere tutto quello che vuoi mostrarmi", ho detto.


Si tirò il maglione sopra la testa, rivelando una camicia rosa. Con mio grande stupore, iniziò a sbottonarlo.


"Fa caldo qui, non è vero?" sbuffò.


"Molto", ho suonato insieme, sentendo il mio cazzo gonfiarsi di più in attesa.


Sotto la maglietta, indossava una canotta nera senza maniche che rivelava ... il paradiso. Le sue braccia erano le più grandi che avessi mai visto. Massicci e definiti, braccia sia superiori che inferiori.


"Cosa ne pensi?" mi chiese mentre fletteva il braccio destro proprio di fronte a me.


"Oh mio dio ..." balbettai. "È così ... così ... io ... non posso ..."


"Haha. Questo è l'effetto che di solito ho sugli omini come te, sì. Alla vista dei miei muscoli diventano degli idioti sbavanti. Lo adoro. Adoro e basta. Puoi darmi la coperta?"


Ho raggiunto la coperta avvolta nella plastica che era sul pavimento e gliel'ho data. Ha strappato l'involucro.


"Fa freddo qui, no?" lei sorrise.


Di nuovo ho giocato insieme, incapace di credere che potesse fare quello a cui stavo pensando. "Molto" ho detto.


"Dovrebbe andare meglio," disse Ally mentre stendeva la coperta su entrambi. "E fornisce un po 'di privacy."


Si chinò verso di me e, attenta a non gettare via la coperta, mosse le mani verso il mio inguine. L'ho sentita aprire la cerniera e tirare fuori il mio cazzo. "


"Oooohh dio," gemetti. Sicuramente stavo sognando. Cose del genere non sono accadute a me. Mai.


"Wow, sei tutto bagnato, ragazzino arrapato!"


Mi ha sussultato un paio di volte ed è stato difficile trattenermi. "Immagino sia meglio che non ti faccia ancora venire, giusto? Abbiamo ancora molte ore da ammazzare." Poi mi ha afferrato di nuovo la mano e l'ha spostata sul petto. "Senti quelle grandi tette, piccola," disse. 


"Io ... non so per quanto tempo posso tenerlo," dissi, mentre le accarezzavo le tette enormi e succose.


"Lo manterrai finché ti dirò di tenerlo, piccolo adoratore di schiavi", disse severa.


"Se parli così, non posso garantire l'obbedienza", ho detto.


Sotto la coperta trovò la mia mano libera e la strinse forte con la sua mano enorme. Riuscivo a malapena a reprimere un urlo. "Dillo di nuovo, piccola?" Mi guardava con un sorriso, la bocca semiaperta.


"Volevo dire ... sì, padrona, naturalmente."


"Va molto meglio. Sapevo che sai come accontentare e obbedire alle musclegirl."


"Sì, padrona," balbettai, mentre lei allentava la presa sulla mia mano. 


"Aprimi i pantaloni e accontentami, schiavo."


Ho abbassato la cerniera. Con molto sforzo, si è sollevata leggermente ed entrambi abbiamo usato una mano per abbassarle i pantaloni. 


"Che cosa stai aspettando?" lei disse.


Ho spostato la mia mano verso la sua figa e ho sentito l'umidità appena prima che lei dicesse: "La tua lingua, stupido!" Sollevò leggermente la coperta in modo che potessi muovere la testa sotto di essa. L'ho fatto con poca preoccupazione per i miei compagni di viaggio. Sarei volentieri arrestato per averlo fatto. Tuttavia, ero un po 'più apprensivo quando l'ho sentita gemere forte mentre spostavo la lingua nella sua umidità. Chiaramente non aveva inibizioni di sorta. 

Cercò la mia mano sotto la coperta, la trovò e la strinse di nuovo. Gemevo di dolore, ma era delizioso. Ha mantenuto la pressione. Con la mano libera, le ho toccato la gamba ovunque potessi. "Sì, bravo ragazzo," disse tra i gemiti. "Continua ad adorare quelle grandi gambe."


"Sì padrona," dissi tra due leccate.


Penso che sia arrivata un minuto dopo, senza troppo rumore. Mi ha tirato indietro per i capelli, su da sotto le coperte.


"È stato un buon lavoro, piccola," disse, lasciando appoggiare la testa sulla parte superiore del sedile, come solo le persone molto alte potevano fare. "Se ti lascio venire adesso, sarai in grado di servirmi di nuovo in questo modo?"


"La mia lingua è sempre pronta," dissi, elegantemente. "Ma in ogni caso, penso che sarei di nuovo arrapato cinque minuti dopo."


"Questo è quello che mi piace sentire," disse Ally. Ho sentito la sua mano muoversi di nuovo verso di me. Ha afferrato il mio cazzo e ha iniziato a masturbarsi. "Piegati verso di me," disse. "Metti la testa contro la mia spalla."


Ho obbedito, chiedendomi se voleva essere romantica all'improvviso. Invece, ha spostato la bocca il più vicino possibile al mio orecchio e ha iniziato a sussurrare parolacce. Questa donna sapeva esattamente quali pulsanti premere. 


"Sei il mio piccolo schiavo, vero?"


"Sì, padrona."


"La padrona vuole che tu dimostri che sei degno della sua attenzione."


"Qualunque cosa, padrona."


"Quando verrai, verrai più forte che puoi. Altrimenti la padrona non sarà felice con te. Se la accontenti, forse la padrona resterà con te nel tuo hotel a Tokyo. Lo schiavo sarebbe così?"


"Oh dio ... Oh dio sì."


"Bene, allora sai cosa fare. Per favore padrona. Vieni ad alta voce per lei. E metti la tua mano sul mio bicipite mentre ti sego."


Lo feci, sentendo la mia mano la rotondità e la durezza di quel gigantesco bicipite. Stavo gemendo pesantemente. Ha sussultato più velocemente. Ero già molto vicino.


Non c'era niente che volessi di più che questo gigantesco bodybuilder muscoloso sarebbe rimasto con me a Tokyo. Fanculo a tutto il resto. Le ho creduto sulla parola. Non potevo rischiare nulla. Pochi secondi dopo, sono arrivato molto forte, senza badare alle teste che si giravano verso di noi o alla hostess che si era avvicinata a noi.


"Va tutto bene qui?" Ho sentito qualcuno dire. Non mi importava. Ho appoggiato la testa contro la spalla della mia dea.


"Sì, non preoccuparti. Penso che il mio piccolo ragazzo qui abbia fatto una specie di sogno erotico."


Non ho sentito o visto la reazione dell'hostess a questo. 


"La tua padrona è molto contenta. Spero che tu abbia un bell'albergo per lei."


"Chiederò un aggiornamento", ho detto.


"Sei un bravo schiavo. Speriamo che i muri siano insonorizzati, per il bene del nostro vicino. Perché io e il mio grosso corpo ti faremo urlare ancora più forte!"


Ero già di nuovo arrapato ...



Risposte 5

Carlo Walter
Carlo Walter

28 aprile 2021

Quando la prossima chimica muscolare ?? 🙂

jim irvin
jim irvin

03 Marzo 2020

grande storia, ma non corrisponde alla tua storia - L'arrivo "

Jim Matson
Jim Matson

03 aprile 2019

Vorrei postare questo sul mio Fet Life? Fammi sapere se va bene?
Come posso condividere anche il mio torchio?

Jim Matson
Jim Matson

03 aprile 2019

Eccellente adoro la tua scrittura. Grazie per la condivisione. Mi piacerebbe leggere una continuazione di questo.

Jerome Sharpe
Jerome Sharpe

29 Novembre 2018

Santo $ # !?… L'hai scritto tu ?? È stato stupefacente!!! Nessuno scherzo… Struttura perfetta, punteggiata e dialogata accuratamente. Non inciampo in un racconto così bello da molto tempo. Amico mio ... Sei molto meglio della maggior parte dei sognatori ad occhi aperti di fan-fiction. Puoi SCRIVERE amico mio ... bel lavoro.

Lascia un commento

I commenti saranno approvati prima della pubblicazione.


Anche nelle notizie

Un messaggio da James: condividere non è preoccuparsi

Luglio 15, 2021

Non ho bisogno di dirtelo Non sono fumetti Marvel o DC. Sono un'impresa individuale. Ho comprato una casa con la mia ragazza e ho preso un prestito dalla banca, contando su un reddito costante dal mio negozio online. Non credo che tu voglia avere alcun ruolo nel distruggerlo. E sfortunatamente, è quello che fai quando condividi i miei fumetti con chiunque. La condivisione non è preoccuparsi. Per un artista indipendente come me, è distruttivo.

Vedi tutto

Buying comics using your credit card, without paypal
Acquistare fumetti con carta di credito, senza paypal

27 Maggio 2021

Vedi tutto

Looking for a proofreader / editor
Alla ricerca di un correttore di bozze / editore

14 aprile 2021 Commenti

Vedi tutto