Sulla narrazione

12 Gennaio 2015

Forse hai notato che i miei fumetti sono più elaborati della maggior parte dei fumetti o delle storie illustrate di questo "genere". La maggior parte delle storie che incontro sono praticamente wham-bam direttamente al punto, concentrandosi sull'azione (combattere, lottare, posare, sollevare, dominare, umiliare ...). Nella maggior parte dei casi, non c'è quasi nessuna trama. Ho alcune storie del genere (per quelli che sono interessati a quel tipo: la serie Emma; Marjorie: selfie con Julian; il capitolo 3 di Growing Muscles; Big Babes ... sono esempi), ma la maggior parte dei miei fumetti sono diversi. Contengono un po 'più di trama, un po' più di dialoghi, un po 'più di sviluppo del personaggio.

Non sto dicendo che sia una cosa buona o cattiva, sto solo dicendo che è più la mia cosa. Mi piace molto di più quando i muscoli vengono mostrati solo gradualmente e non subito. Mi piace quando un rapporto di dominio tra una donna e un uomo si sviluppa lentamente, così che, quando le cose accadono, si capisce meglio cosa stanno passando i personaggi. Mi piace anche quando c'è una trama, in cui ti chiedi cosa succederà in futuro. Mi piace creare personaggi che ti interessano e personaggi che non siano interamente in bianco e nero (il mio tipo preferito non è il tipo crudele né gentile, ma il tipo imprevedibile che può passare da crudele a gentile e viceversa in un paio di minuti ).

Alcuni dei miei personaggi preferiti sono Julian e Marjorie in Amber and Julian, Katie e Nathan (nella storia Katie's Tale, attualmente su lhart.com), e penso che anche Marianne e Mike diventeranno personaggi interessanti in House of Calves (che io credo che sia la mia migliore storia tramata finora).

Ad ogni modo, accolgo con favore il tuo feedback. Cosa ti piace? 

 



Lascia un commento

I commenti saranno approvati prima della pubblicazione.